Inchiostro d’Autore 2013: la performance al potere

La sede del Comune di Savona con il manifesto di Inchiostro d’Autore 2013

di Anna CastellariSi è tenuta la scorsa settimana Inchiostro d’Autore, la rassegna di fumetto d’autore più poliedrica del nord ovest ideata dall’associazione DiEtRoLeQuInTe, in collaborazione con il Comune di Savona. Nèura è andata a seguirla da vicino, a vedere le performance degli artista che la animavano, ad ascoltare il dibattito con venti artisti di tutti i tipi e a conoscere le loro opere.

Se c’è un buon motivo per cui Nèura è mediapartner della serie di eventi dedicati al fumetto e all’illustrazione, Inchiostro d’Autore, è sicuramente la commistione e lo scambio reciproco che si respira al Castello del Priamàr di Savona, durante i magici giorni in cui si svolge la rassegna.

Non c’è, infatti, alcun tipo di chiusura nei confronti di altre arti, né di snobismo verso chi non conosce alla perfezione il mondo del fumetto. Purtroppo, infatti, talvolta l’atmosfera che si respira, specialmente nel corso di incontri dedicati ad autori e ai loro fan, chiusi nel proprio mondo.

SeSar di fronte a una delle sue opere. Foto: (C) Giulia Catania

Invece, a Inchiostro d’Autore avviene tutt’altro: di autoreferenzialità neanche l’ombra, e accade, come quest’anno, che fumettisti, pittori e videomaker si incontrino. È stato infatti il caso di SeSar – che però giocava in biblico tra i due ruoli, visto che non è altro che l’alter ego di Sergio Sarri, pittore dal tratto riconoscibilissimo che in precedenza era stato fumettista. In mostra con le sue opere al Castello, i suoi lavori dialogavano con quelli dei fumettisti presenti nelle altre sale.

E ognuno aveva la propria personalità: Massimiliano Frezzato e il suo umorismo delicato e fiabesco, Claudio Castellini e l’universo supereroistico quasi sfacciato, la mano dello “storico” ospite Lucio Parrillo, straordinario artista che dal fumetto ora sta deviando sempre più di frequente verso la pittura – e che non ha mancato di polemizzare, durante l’incontro di sabato 13 ottobre, contro un certo tipo d’arte, astratta o informale, che ha tolto spazio, specie in passato, ad artisti e a fumettisti.

Gabriele Ferrero tiene il dibattito

L’incontro è stato tenuto dallo storico del fumetto Gabriele Ferrero (IF Edizioni), che firma, talvolta, qualche articolo anche per Nèura, e che ha magistralmente tenuto le fila di un dibattito davvero appassionante. Più di venti artisti di diversa tipologia e provenienza. E forse l’intervento più interessante è stato quello di Paolo Mottura, autore Disney, che durante il dibattito ha spiegato come, lavorando alle nuove storie per Topolino, ci sia spazio per il tocco autoriale anche in storie come i grandi classici rivisitati: e questo è possibile grazie a una redazione giovane, lungimirante, che dà spazio alle “firme” dei disegnatori.

Per la sezione dedicata al cinema, quest’anno è stata la volta del poetico cortometraggio Forcine, realizzato in stop motion dalla filmaker Ramona Mismetti, del collettivo See Mars: dopo il bellissimo cortometraggio presente lo scorso anno, realizzato invece con la tecnica del decoupage animation, di Rino Alaimo, The boy and the moon, quest’anno si può vedere il frutto di un altro lavoro dalla tecnica sperimentale, più improntato verso la grafica e decisamente leggero.

Paolo Mottura all’opera

Spazio anche a giovani artisti, che hanno avuto spazio quanto quelli più noti e internazionali. È stata un’emozione incontrare Valentina Biletta, che avevo intervistato la scorsa settimana, acquistare una xilografia simile a quella della copertina di uno dei suoi ultimi libri; e anche conoscere Riccardo Guasco, illustratore dalla mano “magica” che ha il potere di dare una lievità inconsueta alle sue opere, e che inaugurerà con le sue illustrazioni la collana “Battiti” della casa editrice Ediciclo, specializzata in pubblicazioni dedicate, appunto, alla bicicletta – e chi meglio di lui avrebbe potuto?

La performance è forse il lato più evidente di questo tipo di rassegne, nelle quali chi lo desidera può avere la propria opera firmata e personalizzata. E che cosa c’è di più contemporaneo di questo? Noi siamo felici di aver partecipato. E speriamo in una replica, il prossimo anno. Intanto, godetevi le immagini di quest’anno, se ve lo siete perso.

sito web. www.inchiostrodautore.it


5 responses on “Inchiostro d’Autore 2013: la performance al potere

  1. Gentile Nèura,
    sono Rossana Berretta, una delle disegnatrici (illustratrice e fumettista) presenti a Inchiostro d’Autore. Se vi fa piacere per completezza dell’articolo, io sono la foto DSC-7273. Vi ringrazio e spero di reincontrarvi presto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>