Nèura – Non È Una Rivista d’Arte

©Cristiano Baricelli, Ictus, 2005

27 settembre 2012 – Ogni storia ha un inizio. Bene, la nostra parte dalla fine. Siamo quattro giovani grafomani che si sono conosciuti nella redazione web di una rivista d’arte e che hanno deciso di costruire qualcosa insieme, di gettare un punto di vista, proprio, in mezzo a tanti. Punto.

Allo stesso modo, pezzo dopo pezzo – ognuno proveniente da una testa diversa –, siamo riusciti a dare vita a Nèura, un progetto che si mostra da solo, o quasi. Ecco il perché delle presentazioni ufficiali.

Il nome viene da Silvia e vuole essere meno complicato di quanto possa sembrare. Il primo criterio di scelta si è basato sull’esclusione della parola ‘arte’, con l’intento di darle (solo apparentemente) meno importanza, relegandola al sottotitolo. Il secondo punta il dito su un acronimo, che si scioglie con ‘Non È Una Rivista d’Arte’: il richiamo è un omaggio al celebre Ceci n’est pas une pipe di Magritte e quindi a una contraddizione in termini.

Infine, nel complesso, il termine Nèura intende riappropriarsi dell’ambito cognitivo, dell’amore per la riflessione e per il commento critico – fatto dunque con ragione di causa.

A un messaggio di questo tipo non poteva che affiancarsi, in simbiosi perfetta, un’immagine raffigurante una testa. La scelta iconografica gioca una parte importante nella riconoscibilità della testata, ne siamo ben consci. Così, Anna ha pensato di contattare l’ottimo artista genovese Cristiano Baricelli, che ci ha gentilmente concesso di utilizzare una delle sue opere, Ictus, un lavoro che sembra costruito ad hoc per la nostra rivista: visionario, surreale e al tempo stesso estremamente realistico. Il risultato è un logo che fa breccia in chi ama l’arte, o almeno così ci pare.

Restava da definire il campo della riflessione. Di riviste ce ne sono tante. Tutte parlano di tutto. I generi si contaminano, le geografie si complicano, gli artisti si fanno nomadi, eretici, avventurieri. Noi volevamo essere diversi. Una classificazione, al giorno d’oggi, suona sterile, azzardata, inutilmente erudita. È lecita dopo, non prima. Per questo Roberto ha pensato di uscire dalle griglie della necroscopia, concentrandosi sulle rappresentazioni contemporanee dell’arte. Che sono due, essenzialmente: le politiche e le estetiche. Senza dimenticare il servizio ai lettori, naturalmente.

Ed ecco, allora, le tre sezioni in cui è articolata Nèura.

Nèura è “Fiato d’artista”, l’estetica raccontata, le interviste agli artisti, le recensioni alle mostre e agli eventi. Il titolo di questa sezione è un eufemismo che ci rimanda alle provocazioni di uno dei protagonisti dell’arte contemporanea, Piero Manzoni. Nèura legge, ascolta, vive l’arte e si sintonizza sulle frequenze della contemporaneità per dare fiato – appunto – alla creatività che gira intorno a noi.

Nèura è una panoramica sulle iniziative a livello istituzionale, le problematiche, le novità, gli interventi degli addetti ai lavori, ma soprattutto su come ci piacerebbe fosse la ‘pratica’ dell’arte. A tutto questo è dedicata la sezione Eunomia, che – Sonia cercava una parola antica ma non pesante, musicale ma autorevole – vuole essere un auspicio al buon governo dell’arte.

Nèura è Nèurastenie, ovvero le news – a cadenza settimanale – sull’arte intorno a noi, i vernissage meno frequentati o i più frequentati, gli appuntamenti creativi da non perdere, le mostre e gli eventi scelti attraverso un #hashtag, un tema che cambierà per ogni uscita del magazine, uno sguardo in picchiata dallo smart della provincia al big della metropoli.

Dal 2013, Nèura è anche Visioni su carta, uno sguardo sull’universo dei libri, siano essi d’artista, i cataloghi, i volumi di critica, o i modi di fare libri in epoca digitale.

Infine, dal 2014 tutte queste rubriche convergeranno mensilmente in un ricco e approfondito PDF sfogliabile mensile, mentre aggiornamenti quasi quotidiani sul mondo dell’arte e sulle mostre da vedere saranno riunite in un’unica rubrica: NèuraNews.

Vorremmo diventare una voce e tante teste. Metteteci la vostra.

Iscrizione al Registro delle pubblicazioni periodiche del Tribunale di Milano n. 277 del 9/9/2013.

Vai alla sezione NèuRassegna Stampa – Dicono di noi.

Vai alla sezione NèuraRedazione per scoprire chi siamo.


Lascia un Commento